Il progetto

Descrizione delle attività

Tra i prodotti food del commercio equo e solidale si trovano numerosi prodotti trasformati, che uniscono materie prime fair trade ad altri ingredienti di produzione nazionale: è il caso di biscotti, caramelli, snack….

Nel 2013 la Karibuny soc. coop. sociale Onlus ha realizzato, in collaborazione con il micro birrificio I colori del Gusto di Cadorago (CO), una linea di birre artigianali con spezie provenienti dal Madagascar.

Nello stesso anno Variopinto soc. coop., utilizzando cacao e spezie del commercio equo, ha aperto un laboratorio artigianale che realizza una linea di cioccolate Fair Trade.

Entrambe le collaborazioni erano nate nell’ottica di piccole produzioni a marchio proprio per la distribuzione presso i propri punti vendita e presso alcuni canali esterni del territori di riferimento (Lecco e Monza e Brianza).

La bontà dei prodotti realizzati e l’apprezzamento del pubblico per l’accostamento di materie prime del commercio equo con realtà di trasformazione artigianali locali diedero però l’impulso all’ampliamento della gamma dei prodotti, oggi costituita da circa 45 referenze, e alla distribuzione sul territorio regionale prevalentemente presso le Botteghe del Mondo.

Grazie alla partecipazione a Fiere di settore (in particolare Falacosagiusta e Tuttaunaltracosa) e al passaparola, i prodotti iniziarono ad essere apprezzati anche in altre regioni italiane, ponendo un problema logistico dovuto alle piccole dimensioni di Karibuny e Variopinto (entrambe microimprese).

Con il presente intervento, i soggetti proponenti intendono, grazie ad una campagna di comunicazione su tutto il territorio regionale, superare limiti di ordine tecnico e garantire una corretta catena distributiva dei prodotti, raggiungendo nuovi clienti con particolare riferimento al settore della ristorazione e somministrazione.

Obiettivo 1 – Ideazione di un codice comunicativo e restyling dei prodotti

Grazie al supporto di LIB LAB s.r.l. verrà ideato un codice comunicativo comune per la valorizzazione della filiera delle spezie.

Si procederà alla realizzazione di un layout condiviso, di strumenti per la comunicazione e la promozione, di espositori da banco dedicati ad attività di ristorazione e somministrazione. Particolare attenzione sarà rivolta al packaging.

Una Gift Box che unirà i prodotti trasformati (Two Chocolate & Two beer) sarà al centro di una campagna di comunicazione rivolta al pubblico, da proporre in fiere e presso i punti vendita coinvolti.

Per una più chiara comunicazione del valore aggiunto del prodotto, particolare attenzione sarà rivolta alla progettazione del packaging: verrà chiesta licenza d’uso del marchio Bottega del Mondo® (registrato per prodotti e servizi da Ass. Botteghe del Mondo Italia) che identificherà anche presso canali di vendita tradizionali l’eticità del progetto e la relazione con il commercio equo e solidale.

Su tutti i materiali di comunicazione verrà valorizzato il contributo di Regione Lombardia attraverso il bando per il Commercio equo e solidale.

Obiettivo 2 – Realizzazione di una campagna pubblicitaria e partecipazione a fiere di settore.

La promozione dei prodotti alimentari e delle bevande del commercio equo e solidale collegati alla linea delle spezie prevede anzitutto una elaborazione di un piano marketing dedicato.

A monte della campagna di comunicazione, è infatti indispensabile la definizione rinnovata e articolata della lista di prodotti su cui avviare il lancio promozionale, nonché il piano di sviluppo prospettico del catalogo nei mesi successivi: anche in considerazione di questo sviluppo previsto sarà infatti sviluppato un piano di promozione opportunamente orientato.

La strategia prevede lo sviluppo di una linea aperta di prodotti alimentari per la piccola distribuzione che uniscano intorno al tema delle spezie prodotti di importazione da filiera straniera attraverso il commercio equo e solidale e prodotti o sistemi di produzione messi a disposizione dall’artigianato e dalla micro agricoltura sostenibile italiani e, in maniera privilegiata, lombardi.

La campagna di comunicazione, di seguito ampiamente descritta, valorizzerà sia il commercio equo e solidale che le filiere corte lombarde e prevederà la partecipazione a eventi di settore e non per favorire l’incontro con il consumatore.

Partecipazione a fiere di carattere nazionale e internazionale

I soggetti proponenti opereranno in sinergia, secondo uno schema e un layout condiviso, per partecipare a fiere di settore e a fiere proposte dal Calendario fieristico regionale 2016.

In particolare è prevista la presenza alle seguenti manifestazioni:

Isola che c’è, Villaguardia (Como), nel mese di settembre 2016

Tuttaunaltracosa, Fiera nazionale del Commercio equo, Ferrara (30 settembre – 2 ottobre 2016)

Artigiano in fiera, Rho (3-11 dicembre 2016)

Falacosagiusta, Fieramilanocity, marzo 2017

Obiettivo 3 – Coinvolgimento nuovi punti vendita con somministrazione per la distribuzione di prodotti trasformati

Obiettivo prioritario del progetto è lo sviluppo di nuovi canali di distribuzione, con particolare riferimento alle attività di somministrazione vista la peculiarità dei prodotti trasformati.

Eventi diffusi di degustazione

Verranno organizzati, in collaborazione con le organizzazioni partner del progetto, eventi diffusi di degustazione dei prodotti grazie anche alla presenza dei trasformatori. Accanto alla promozione dei prodotti e della filiera delle spezie, tali eventi avranno lo scopo di facilitare la sinergia di attori Fair Trade e tradizionali operanti sul medesimo territorio, con una significativa ricaduta in termini di sostenibilità dell’iniziativa.

Creazione di un “Listino condiviso” rivolti ad operatori nel settore della ristorazione e della somministrazione

La creazione di un listino condiviso permetterà l’inserimento in canali di distribuzione ben identificati e l’efficace e sostenibile distribuzione dei prodotti attraverso Equomercato Soc. Coop.

Saranno curati in particolare la comunicazione e saranno strette collaborazioni con distributori locali.

Individuazione dei destinatari (tipologia e quantificazione)

Scopo del progetto è ampliare i canali di vendita per la filiere delle spezie.

Grazie alla collaborazione con alcuni operatori del settore verranno raggiunti:

  • Almeno 80 nuovi punti vendita con attività di somministrazione
  • Almeno 70 tra circoli Arci e Circoli Cooperativi con attività di somministrazione, per la creazione di un progetto pilota che permetta la diffusione dei prodotti Fair Trade in circa 300 circoli aderenti sul territorio regionale.
Condividi #tuttounaltrogustoShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn